Invece che al Polo Sud è finito in nuova Zelanda un giovane pinguino imperatore di circa 10 mesi sbagliando la strada casa di quasi 4.000 chilometri.
Probabilmente l’animale ha lasciato il Polo Sud in febbraio per andare a caccia di cibo e nell’inseguire i calamari che sono le sue prede preferite, potrebbe aver perso la rotta spingendosi sempre più a nord fino ad arrivare in Nuova Zelanda.
Lo smarrimento del pinguino è un fatto eccezionale ma non è il primo, già nel 1967 un altro pinguino proveniente dall’Antartide arrivò sulle spiagge neozelandesi.
I pinguini imperatore sono la specie che vive più a sud dell’emisfero e passano tutta la loro vita al Polo è quindi comprensibile la meraviglia della signora Christine Wilton che passeggiando con il suo cane lungo la spiaggia di Peka-Peka sulla costa nord-occidentale si è vista venire incontro con la sua goffa andatura il nobile pinguino.
Colin Miskelly, uno studioso del New Zealand Museum ha spiegato come difficile deve essere stato il viaggio del giovane pennuto abituato a muoversi e riprodursi su una terra dove la temperatura scende sotto i 50 gradi centigradi: “Probabilmente ha caldo ed e’ assetato: i pinguini di solito mangiano ghiaccio, che si fonde nell’organismo e quello e’ l’unico liquido che ingeriscono. Lui avrà mangiato sabbia bagnata senza rendersi conto che non si scioglie”.
Il giovane imperatore ora comunque sta bene ma non può sopravvivere in Nuova Zelanda e le autorità locali stanno studiando il modo per ricondurlo a casa senza che si perda nuovamente.

Categorie: News dal Mondo