Una nuova vita per Thai. Un esemplare di gibbone dalle mani bianche dopo essere stato sequestrato nella china town milanese e dopo avere vissuto per tre anni nel giardino di una villa di Nerviano, nell’hinterland, oggi è stato trasferito al Bioparco di Roma dal personale specializzato del Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato di Roma e di Milano.
Il primate fa parte di una specie (Hylobates lar) minacciata di estinzione e considerata pericolosa per la pubblica incolumità ed è tutelata dalla Convenzione di Washington (C.I.T.E.S.) sul commercio delle specie animali e vegetali minacciate d’estinzione.
Thai non ha mai visto suoi simili e appartiene ad una specie tra le piú rappresentative dell’ordine dei primati, fortemente minacciata d’estinzione nel proprio habitat naturale, le foreste dell’Indocina, a causa della caccia illegale e della deforestazione.
Il gibbone dalle mani bianche, al pari di orango, scimpanz‚ e gorilla, è una scimmia antropomorfa e condivide con l’uomo un’alta percentuale di similitudine genetica. Ha un ampio repertorio di versi ed emette vocalizzazioni acute che riecheggiano nelle foreste primarie di Cina, Birmania, Tailandia e Sumatra e ne segnalano la presenza anche ad enormi distanze.
Si tratta di primati dalle caratteristiche biologiche e comportamentali delicatissime, conosciuti come gli ‘acrobati della giungla’ che con i balzi tra un albero e l’altro possono coprire distanze anche di 15 metri.
Il provvedimento di trasferimento è stato disposto dalla Procura di Milano. Per il suo reinserimento è stato affidato alle cure del personale specializzato del Bioparco di Roma che lo accudirà secondo gli standard di allevamento in cattività per la specie, considerando anche che l’esemplare ha vissuto, per anni, esclusivamente a contatto con esseri umani.
Trattandosi di una specie monogama,Thai avrà presto una femmina con cui vivere, e magari anche riprodursi. (Ansa)

Categorie: News dal Mondo