Dopo  mamma orsa e il suo cucciolo uccisi dopo essere saliti a bordo di un sottomarino ormeggiato al porto russo, ora negli USA, in Alaska, un aereo dell’Alaska Airlines in atterraggio ha investito un orso bruno, una femmina, uccidendo l’animale e causando danni all’aereo. Nessuno dei passeggeri o dei membri dell’equipaggio a bordo e’ rimasto ferito nell’incidente ha riferito il Anchorage Daily News. Il Boeing 737-700 ha ucciso una femmina di orso bruno, ma il cucciolo che era con lei sulla pista e sembra avere circa due anni e’ rimasto illeso, ha detto il portavoce Sam Dapcevich. In passato, in Alaska sono stati segnalati aerei che hanno travolto cervi, oche, caribu’ e altri animali, ma Dapcevich ha detto che questa e’ la prima volta che si e’ saputo di un orso investito. Il personale di terra non ha visto segni di animali selvatici durante il controllo, ma i piloti hanno notato i due orsi che attraversavano la pista mentre il jet rallentava dopo l’atterraggio, ha detto Dapcevich. “Il muso ha mancato gli orsi, ma il capitano ha sentito un impatto sul lato sinistro dopo che gli orsi sono passati sotto l’aereo”, ha spiegato l’Alaska Airlines. Il Boeing stava rullando verso un’area di parcheggio. L’aereo e’ partito da Cordova e doveva fermarsi a Juneau dopo aver lasciato Yakutat. Il cofano del motore sinistro del jet e’ stato danneggiato, e l’aereo e’ rimasto a Yakutat sabato e domenica per le riparazioni e i controlli ai sistemi. L’aeroporto e’ parzialmente chiuso da una recinzione e i dipendenti sono sottoposti ad un addestramento annuale sui pericoli della fauna selvatica e usano sistemi pirotecnici per scacciare gli animali selvatici o veicoli per portarli via. (AGI)

Categorie: News dal Mondo