La storia del piccolo Donut sembra quasi una favola di Natale, e come tutte le storie di Natale che si rispettino ha avuto il suo bellissimo lieto fine.
Donut è arrivato al rifugio di Monza a seguito di un intervento del nucleo anti-maltrattamento di ENPA presso una famiglia di Sovico (MB) che lo teneva in condizioni inaccettabili: era gravemente sottopeso, sporco e con una vistosa ferita purulenta al muso. Nonostante si fosse resa conto delle sue condizioni, la famiglia non si era impegnata a curarlo adeguatamente.
I primi giorni, in canile, il piccolo faticava a mangiare e a prendere le terapie prescritte probabilmente per il dolore della ferita e perché si trovava solo in un ambiente per lui nuovo. Ma in breve ha cominciato a mostrare il suo carattere forte, da vero combattente, ha ripreso ad alimentarsi con voglia, a seguire operatori e volontari ovunque tanto che in brevissimo tempo è passato dal suo box all’ufficio, autonominandosi “receptionist” del canile e accogliendo visitatori, volontari e anche gli altri cani.
Donut è una vera forza della natura, sempre scodinzolante, si è aggrappato alla vita con tutte le zampette e in breve tempo è diventato la mascotte del canile! Intanto passavano i giorni, i mesi, provando diverse terapie per scongiurare un’infezione che sembrava impossibile debellare, pillole, punture, interventi, ha affrontato sempre tutto con grande spirito di sopportazione e a testa alta.
E dopo sette mesi il bellissimo lieto fine!
Sono passati 7 mesi e negli ultimi tempi le sue condizioni sono migliorate molto, è anche ingrassato più di un chilo. E così, dopo aver avuto l’ok dal veterinario, Donut è stato affidato alla famiglia di Fabrizio, residente a Varedo (MB), che nel frattempo si era innamorata di lui e aveva già adottato anni fa Luna, uno dei “famosi” cani di Beppe Spinelli.
Il 23 dicembre, Donut ha salutato per sempre il canile e si è avviato verso la sua nuova vita facendo a tutti un bellissimo regalo di Natale. Certo, la strada verso la guarigione è ancora lunga e dovrà continuare le cure a casa, ma siamo sicuri che con il carattere da leone che ha sempre dimostrato tutto non potrà che andare per il meglio.
Tanta gioia e un po’ di nostalgia
Tutti sono stati felici per l’affido di Donut, ma la sua vulcanica presenza manca un po’ a tutti, come a Stefania, uno degli operatori del canile, che ha voluto salutarlo così: «Ci mancherai tanto Donny, per tanto tempo ci siamo presi cura di te mettendocela sempre tutta. Ci sono amori che ci appartengono per tutta la vita, anche se quella vita poi non la vivono con noi. Ecco tu sei questo… Da tutti noi, in bocca al lupo, ti vogliamo bene!» (enpa.it)

Categorie: Storie del cuore