Chiuso in un furgone per diverse ore sotto il sole ha rischiato la vita, ma è stato tratto in salvo dalla polizia municipale, a Firenze. Si tratta di un cagnolino che è stato involontario protagonista di una storia di maltrattamenti per fortuna a lieto fine. Dal controllo sul chip, precisa una nota del Comune, è stato possibile risalire alla proprietaria, una 38enne non residente a Firenze. E’ successo alcuni giorni fa ma la notizia è stata resa nota solo oggi. La donna, convocata al distaccamento di Rifredi dov’era arrivata la chiamata che ha allertato i soccorsi, ha confermato di essere la proprietaria del cane e del veicolo e di averlo lasciato chiuso nel furgone a metà mattina (tra le 10 e le 11): per lei è scattata la denuncia per maltrattamento di animale con le aggravanti date dalla temperatura estremamente elevata, la permanenza prolungata sotto il sole e i finestrini chiusi.
Rischia la reclusione da tre mesi a diciotto mesi o la multa da 5.000 a 30.000 euro. Una pattuglia del distaccamento di Rifredi è intervenuta, nelle prime ore del pomeriggio, in via Landucci dopo alcune segnalazioni di un cane, in apparente stato di sofferenza, chiuso dentro un veicolo lasciato in sosta sotto il sole.

Categorie: News