Ci sono i ‘coscienziosi’, i ‘difensori della libertà’, i protettori’, i ‘guardiani tolleranti’ e i ‘proprietari laissez-faire’. Queste le cinque tipologie di proprietari di gatti identificate da una ricerca dell’Università di Exeter, pubblicata su Frontiers in Ecology and the Environment. Lo studio fa riferimento a due abitudini dei gatti, quella di girovagare e quella di dare la caccia ad altri animali e identifica in sostanza diversi modi di reagire a queste attitudini. Vi sono i “guardiani coscienziosi” preoccupati per l’impatto dei gatti sulla fauna selvatica e che si sentono in qualche modo responsabili, i “difensori della libertà” che si oppongono del tutto alle restrizioni sul comportamento dei gatti.I “protettori preoccupati”, che si concentrano sulla sicurezza dei gatti, i “guardiani tolleranti” che non amano che i loro gatti caccino ma tendono ad accettarlo, e i “proprietari laissez-faire” in gran parte inconsapevoli di qualsiasi problema. Le organizzazioni per la protezione della natura sono da tempo preoccupate per il numero di animali catturati dalla grande popolazione di gatti domestici del Regno Unito. La maggior parte dei felini domestici uccide pochissimi animali selvatici, se ce ne sono, ma con una popolazione di circa 10 milioni di gatti nel solo Regno Unito, il numero di uccelli, piccoli mammiferi e rettili catturati può accumularsi. La maggior parte dei proprietari trova che gli animali morti portati a casa siano uno spiacevole promemoria del lato selvaggio del loro animale domestico. “È improbabile che le politiche di confinamento dei gatti – spiega la dottoressa Sarah Crowley, tra gli autori dello studio – trovino sostegno tra i proprietari nel Regno Unito.Tuttavia, solo una tipologia di proprietari considerava la caccia positiva, cosa che suggerisce che gli altri potrebbero essere interessati a ridurla in qualche modo”.Le misure suggerite per ridurre la diffusione e il successo della caccia includono l’adattamento dei gatti con un copri collare dai colori vivaci o far indossare loro un campanello. (ANSA).

Categorie: Curiosità