La Spagna non è solo cultura, arte, paesaggi mozzafiato. La Spagna, purtroppo, è anche la patria delle perreras e della corrida, teatro di terribili violenze e maltrattamenti ai danni degli animali. Ma un gruppo di animalisti ha deciso di ribellarsi contro gli episodi di brutalità quotidiana di cui restano vittime, tra gli altri, cani e tori. Animalisti che hanno deciso di dire basta a questi fenomeni, ma a modo loro con il progetto “Bike for pets”. Si tratta di una vera e propria maratona su due ruote – il mezzo prescelto è l’affascinante bicicletta – che, ideata da tre amici, partirà da Torino e attraverserà Francia e Spagna per raggiungere, dopo 2.200 chilometri di pedalate, la città di Siviglia, in Andalusia. «Partiremo il prossimo agosto – racconta uno degli organizzatori, Paolo Balestrazzi – per sensibilizzare l’opinione pubblica sul vergognoso scenario delle perreras e sulla corrida. Toccheremo il maggior numero possibile di perreras, prenderemo contatto con le organizzazioni animaliste del luogo e organizzeremo sit in di protesta di fronte ai luoghi dei massacri, con la speranza di far conoscere al maggior numero di persone questa triste realtà. Speriamo di riuscire a riportare con noi qualche cucciolone da far adottare, sottraendolo così a morte certa.»