Calzedonia ha creato una linea di intimo con pelle di agnello. Per questo, il mondo animalista ha organizzato una campagna di protesta con mail bombing. Per aderire si può inviare il seguente testo alla mail:  info@calzedonia.it. Affinché la protesta abbia il miglior esito possibile, è fondamentale evitare offese ed espressioni ingiuriose.

Spettabile Gruppo Calzedonia,

ho trovato sul vostro sito dell’intimo realizzato in pelle d’agnello. Sono rimasta molto turbata da questa vostra scelta. Siamo quasi nel 2020 e non credo sia necessario continuare a usare materiali di origine animale. Come intimo si possono utilizzare tessuti naturali che non hanno comportato la morte di nessuno. Da cliente, vi dico che mai mi permetterei di indossare un top fatto con la pelle di qualcuno che è stato ucciso.
Questa vostra idea l’ho trovata di pessimo gusto sia a livello etico che estetico.
Vi invito vivamente a riflettere e a prendere in considerazione l’idea di evitare ogni tipo di materiale di derivazione animale per il confezionamento dei vostri indumenti (non solo la pelle, anche la lana o la seta), perché rispettare la vita delle altre specie ad un certo punto della storia dell’umanità diventa qualcosa di necessario. Di doveroso.
Quanto altro tempo ancora dobbiamo passare sul pianeta come arroganti sfruttatori incapaci di esistere senza tormentare le altre vite?
Avendo preso le distanze da uno stile di vita crudele, egocentrico ed antropocentrico vi informo che non comprerò capi d’abbigliamento che abbiano contribuito alla morte di qualcuno, né del vostro brand né di altri.
Gli animali meritano rispetto, come tutti.

Categorie: Animali e Cultura