I Militari del Nucleo Cites del Gruppo Carabinieri Forestale, coadiuvati dai colleghi della Stazione Carabinieri Forestale di Pescara, su denuncia della delegazione abruzzese dell’Organizzazione Internazionale Protezione Animali – Oipa onlus, hanno posto sotto sequestro tre esemplari di cani in località “Montesilvano Colle” a Montesilvano (Pescara), denunciando un ventiduenne pescarese, proprietario degli animali.
La denuncia e il sequestro sono scattati perché i tre cani di razza “Pitbull” o “Simil Pitbull” erano detenuti in aperta campagna, ciascuno legato tramite una catena ad un picchetto metallico piantato a terra, che non permetteva loro di muoversi liberamente. Inoltre, erano stati sottoposti a sevizie o, comunque, a condizioni produttive di gravi sofferenze, tanto che uno di essi è morto e gli altri due versavano in forte deperimento organico.
Infatti, mentre l’esemplare deceduto è stato trovato sotterrato in una buca scavata di fresco, proprio vicino al picchetto al quale presumibilmente era legato, per sequestrare uno dei cani ancora in vita è stato necessario recarsi presso una clinica veterinaria di Città Sant’Angelo (Pescara), dove era stato portato dal proprietario per le pessime condizioni di salute in cui versava.
Per proseguire la lettura e vedere le foto choc dei cani cliccare sul sito di cityrumors.it

Categorie: News