Doveva andare a Milano in aereo per raggiungere la sua nuova famiglia ma il volo che da Lampedusa l’ha portato a Palermo deve averlo spaventato e Zeus, un cane recuperato da un’associazione dell’isola, e’ riuscito a liberarsi dal guinzaglio con cui la volontaria lo teneva in aeroporto e ha iniziato la sua corsa, ha attraversato le strade e si e’ tuffato in mare, iniziando a nuotare verso il largo. Per salvare Zeus e’ intervenuta l’Enpa di Carini. Fortunatamente in acqua proprio in quel momento c’era anche un sub, il signor Mario. Il suo intervento, insieme a quello del presidente dell’Enpa di Carini, Paride Martorana, che si e’ subito buttato in acqua vestito per salvare il cane, sono stati fondamentali per il recupero di Zeus. “Non e’ stato facile – racconta Paride Martorana – l’acqua fredda, il cagnolino che non ci conosceva e gli scogli. Ma alla fine, Zeus e’ stato tratto in salvo. Lo abbiamo portato al sicuro. Ci siamo asciugati insieme e l’abbiamo fato mangiare. Questa mattina era in splendida forma e l’abbiamo riaccompagnato in aeroporto per raggiungere finalmente la sua futura famiglia a Milano”. (ANSA).

Categorie: News