Il 45% dei cani mostra segni di paura quando sente i fuochi di artificio, atteggiamenti di ansia, panico o fuga. Ma cosa può succedere davvero ai nostri animali? Cosa possiamo fare o non fare per aiutarli? A poche ore dalla notte più rumorosa dell’anno, l’Ente Nazionale Protezione Animali fa il punto su tutto quello che c’è da sapere per iniziare al meglio il nuovo anno.
 
Cosa puoi fare prima e durante la notte di Capodanno?
 
-Innanzitutto verificare che il microchip del pet sia leggibile dal veterinario di fiducia.
– È anche una buona idea attaccare una medaglietta di identificazione al collare.
– Assicurati che la tua casa e il tuo giardino siano il più possibile a prova di fuga.
– Assicurati che tutte le porte e le finestre siano chiuse saldamente.
– Se possibile, controlla che il tuo cane non abbia accesso alle porte che conducono all’esterno, specialmente quando le persone entrano o escono da casa.
– Proteggi eventuali vie di fuga nel vostro giardino, per ogni evenienza, e assicurati che tutti in casa sappiano che devono essere veloci per aprire e chiudere
-Cosa può succedere ai nostri animali durante i botti? I consigli del veterinario:
“Per gli animali – spiega il dott. Meir Levy, veterinario dell’Enpa nazionale, è un momento davvero drammatico. I rumori ma anche le luci improvvise possono spaventare moltissimo e creare delle vere e proprie crisi di panico. Sono diversi i cambiamenti che possiamo notare a livello fisico: iperventilazione (il cane respira a fatica), tachicardia (il battito accelerato) e in alcuni casi anche sciallorea, ovvero ipersalivazione, e tremori muscolari”.
Cosa fare?  “Sicuramente – continua Meir Levy – occorre preventivamente chiudere tutte le finestre. In caso di attacco di panico del nostro animale spegnere anche le luci ed evitare ulteriori suoni alti (anche televisione o musica). Cercare di stargli vicino ma ricordare che in questo stato di grande agitazione l’animale può essere mordace”.
Come prevenire? “Esistono dei cicli di calmanti naturali – aggiunge il dott. Levy – che si possono iniziare anche qualche giorno prima e che hanno grandi effetti benefici. Sono integratori, quindi possono essere assunti da animali di tutte le età senza problemi. In questo caso è bene quindi rivolgersi al proprio veterinario in anticipo per farsi consigliare la terapia più adatta al cane”.

Categorie: Curiosità