L’Avs, il Cai Alto Adige,  gli Uffici parchi naturali e caccia e pesca della Provincia e l’associazione  ‘Suedtiroler Jagdverband’ hanno promosso una  campagna per sensibilizzare gli escursionisti invernali verso un maggior rispetto degli animali e della natura.
Sono stati distribuiti pieghevoli, predisposte delle tabelle informative per mettere in evidenza quante difficoltà incontrino gli animali in inverno ad alimentarsi e che, se disturbati, nel fuggire sono a rischio perche’ consumano in modo eccessivo le riserve energetiche. Per questo è necessario che gli escursionisti si limitino a praticare quei percorsi che non arrechino disturbo agli animali. Tabelle che indicano gli itinerari consigliati sono state posizionate a Prato Piazza nel Parco naturale Fanes-Senes-Braies. Le aree scelte per sperimentare il progetto pilota sono Mazia-Slingia, Latzfons/Velturno, Braies/Prato Piazza.
L’assessore provinciale all’ambiente, Michl Laimer, ha assicurato che nella prossima stagione invernale le tabelle saranno posizionate anche in altri parchi naturali.
In Trentino continua la sperimentazione di un fischietto speciale, un’apparecchiatura dissuasiva per allontanare dalla strada gli animali quando passa un’auto.
Il fischietto, installato sui veicoli, emette degli ultrasuoni che allontanano gli animali salvandoli dagli impatti con le auto. Nell’ultimo anno, in Vallarsa, sono stati investiti venti esemplari di ungolati sulle strade che costeggiano i boschi. Grazie al fischietto si potranno limitare i sempre più frequenti incidenti stradali che coinvolgono animali selvatici salvando la vita a cervi e caprioli.
I fischietti sono già in uso da tre anni nella provincia di Bolzano dove hanno dato ottimi risultati.
Prevenire gli incidenti non è solo un modo per salvaguardarela fauna selvatica ma anche una tutela per le persone alla guida e le loro auto anche se le conseguenze degli impatti finora sono stati letali solo per gli animali.

Categorie: News dal Mondo