Ci si deve preoccupare se al gatto cade qualche baffo, anzi vibrissa? La caduta di un baffo è fisiologica e quindi non è motivo di grande preoccupazione. Tuttavia, per un po ‘di tempo è utile osservare il benessere dell’animale. Il numero delle perdite dipendono da quanto il gatto ha bisogno dell’aiuto di un veterinario e dall’urgenza di contattarlo. Se l’animale ha perso la maggior parte o tutti i baffi, allora una visita al veterinario dovrebbe essere fatta il prima possibile.
Ogni gatto ha un certo numero di baffi sul viso (intorno agli occhi, sul mento e, soprattutto – sulle guance) e sul retro delle gambe. Ciascuno di questi baffi ha una connessione con un sito speciale nel cervello. Infatti, i baffi non sono una decorazione, ma uno strumento che aiuta un animale a determinare la sua posizione e a rilevare, dalle vibrazioni dell’aria, da dove proviene il suono o il movimento. Le vibrisse del gatto aiutano un gatto sano a cacciare, trovano un punto di riferimento nello spazio circostante e comunicano con i propri simili. Per la caduta delle vibrisse possono esserci diversi motivi spiegabili. Ad esempio, animali che convivono vivono  cani o gatti – possono dar vita a baruffe tra di loro per il territorio, la supremazia, che finiscono con  alcuni baffi caduti a terra. Spesso i rivali strappano intenzionalmente i baffi ad un avversario per causare il massimo danno e il desiderio di dominarlo.
La perdita di vibrisse dovuta a cause naturali: crescita di giovani baffi, e caduta del vecchio, come i nostri capelli. Questo processo è naturale e l’intervento del proprietario non è necessario.
Molto spesso, i gatti hanno problemi con le vibrisse proprio perchè il proprietario ha iniziato a “preoccuparsi” di loro. Non si devono mai “regolare” i baffi di un animale domestico, indipendentemente dalle ragioni e dai motivi! Questo può essere raccomandato solo da un veterinario e solo in presenza di un’infezione. I baffi vanno lasciati in pace, anche se mangiando si sporcano, il gatto e perfettamente capace di lavarsi e mettere in ordine le sue parti del corpo.
Simili manipolazioni apparentemente innocue, possono infirmare l’animale. Un gatto con i baffi danneggiati è mal orientato, quindi preda di stress e disagio e non è sicuro di sé. Può mostrare sintomi di depressione e mostrare comportamenti illogici.
Un gatto con i baffi tagliati o accorciati dorme senza sosta, perdere l’orientamento fino a nascondersi e non è un detto che una volta ricresciuti  si riprenderà e tornerà lo stesso.
I baffi parlano: infatti se si osserva le fasi che le vibrisse attraversano nel loro sviluppo, si vede che nel tempo i baffi del gatto diventano più spessi,  più scuri e più leggeri.
La vibrissa che è caduta da sola, non è completamente colorata e alla fine ha una punta appuntita. Una struttura ruvida indica che i baffi sono vecchi e lasciano il posto ai nuovi che crescono per rimpiazzarli.
Se i baffi diventano improvvisamente leggeri, il gatto potrebbe avere i vermi e ha bisogno di cure.
Quando i baffi sono spezzati e non sono l’esito di zuffe sono un segnale che richiede attenzione.
In casa, l’umidità dell’aria potrebbe essere troppo secca o troppo umida.
Il gatto non ha sempre la possibilità di bere acqua fresca e pulita – i baffi si rompono e si asciugano per la disidratazione. Il compito del proprietario è garantire e controllare il livello di acqua nella ciotola. Anche la dieta quotidiana non deve esse superiore alle necessità del micio.
Come già detto, i gatti sono in grado di occuparsi da soli della propria igiene  ma alcuni proprietari troppo spesso lavano  senza motivo il loro animale domestico per di più usando lo shampoo sbagliato seccando così pelo e vibrisse.
Infine i gatti presentano la muta all’inizio della nuova stagione, il metabolismo viene ricostruito come quando il periodo della pubertà è arrivato.
Se comunque le condizioni del gatto sono causa di preoccupazione è necessario farlo visitare da un veterinario per evitare allarmismi o sottovalutare una possibile patologia.

 

Categorie: Uncategorized