Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) ha annunciato che non userà più gatti e gattini per le sue ricerche sulla toxoplasmosi. Gli esperimenti condotti finora – secondo un protocollo di ricerca autorizzato – avrebbero portato all’eutanasia di oltre 3mila gatti dal 1982, una rivelazione che ha choccato il Congresso degli Stati Uniti dove si sta lavorando a una legge ad hoc detta “Kitten act of 2019“. Per più di trent’anni gli scienziati dell’Agricultural Research Service (Ars), laboratorio vicino a Beltsville, nel Maryland – ora chiuso, come altri centri Usda in cinque stati americani perchè oggetto di minacce ritenute serie -, hanno dato a mici e micetti cibi appositamente contaminati dalla toxoplasmosi per testarne le reazioni.
Una pratica necessaria, si difendono i ricercatori Usda, dal momento che i felini sono gli unici “ospiti” nei quali il parassita Toxoplasma gondii riesce a compiere l’intero ciclo vitale. I test, scrivono i media Usa, sarebbero fermi da settembre e per la dozzina di gatti ancora negli stabulari ci sarebbe la disponibilità dei dipendenti del Dipartimento dell’Agricoltura ad adottarli.

Categorie: News dal Mondo